Girando per il Veneto su due ruote

Domenica 1° settembre 2019 ore 9.30 della mattina: Partiamo da Treviso in moto, con tutta calma, per dirigerci al 30° Motoraduno Nazionale “TRA PIAVE E MONTELLO”, organizzato dal Moto Club ARDITI DEL PIAVE di Crocetta del Montello. Arriviamo giusto in tempo per fare un saluto veloce e ripartire subito, come da programma, per il giro turistico con tutto il gruppo dei bikers. Appuntamento del raduno a Ciano del Montello e da lì attraversiamo le tipiche vie di collina, passando per il Comune di Nervesa della Battaglia dove la storia ci racconta che durante la prima guerra mondiale, fu teatro di violenti scontri tra gli opposti schieramenti che causarono morte e distruzione. Grazie alla popolazione sopravvissuta, che seppero reagire agli orrori della guerra, ricostruirono con dignità e coraggio il proprio paese. Nervesa della Battaglia fu anche un importante centro strategico tra il Piave ed il Montello ed al Comune fu perfino conferita la Medaglia d’oro al Merito Civile per l’ammirevole esempio di spirito di sacrificio ed amor patrio. Proseguiamo il nostro giro verso la meta finale attraversando Via dei Frati per poi raggiungere Venegazzù (Venegasù in veneto), una frazione del comune italiano di Volpago del Montello, in provincia di Treviso, dove ci attendeva un graditissimo rinfresco alle cantine Sartor, gustando con piacere il vino locale, accompagnato da formaggi e salami tipici del posto.

Alle ore 12,30 decidiamo di staccarci dal gruppo e proseguire in “solitaria” verso nuove destinazioni. Accendiamo i motori e partiamo in direzione del Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi ma come prima tappa ci fermiamo alla Birreria Pedavena per un pranzo veloce. Una fabbrica di birra italiana fondata nel 1897, con sede nell’omonimo paese in provincia di Belluno, dove nell’arco degli anni subisce varie metamorfosi; nel 1917, dopo la battaglia di Caporetto, lo stabilimento divenne territorio austro-ungarico e vede gran parte delle sue strutture requisite a scopo militare. Alla fine delle ostilità i fratelli Luciani, fondatori del birrificio, ne ripresero possesso; gli anni passarono e le guerre anche, ma il birrificio continuò la sua attività fino a metà degli anni 70 quando la famiglia Luciani decise di vendere il tutto alle multinazionali Heineken, che dopo molti anni ne annunciarono la chiusura per bancarotta. Un gruppo di imprenditori veneti e friulani, tra cui anche i produttori della Birra Castello, entra in scena decidendo di acquistarla, riprendendo la produzione della birra a marchio Pedavena. Prosegue il nostro viaggio verso Agordo (BL), con le montagne ancora devastate dal violento temporale accaduto l’anno passato.

Saliamo sempre più su attraversando Alleghe ed il suo meraviglioso lago omonimo, famoso anche come “i misteri di Alleghe”, dal titolo del libro scritto da Sergio Saviane nel 1964 e dove racconta una catena di cinque omicidi, dal 1933 al 1946, che grazie all’inchiesta giornalistica condotta dal giornalista di Castelfranco Veneto, furono determinanti per l’inizio di una nuove indagine, condotta all’epoca dal maresciallo dei Carabinieri Domenico Uda e dal vice brigadiere Ezio Cesca, terminata poi con l’arresto dei responsabili della catena di omicidi. Alleghe è famosa anche per il consueto ritiro precampionato della prima squadra maschile orogranata della Reyer Umana di Venezia. Terminiamo il nostro giro fantastico proprio al confine tra il Veneto ed il Trentino Alto Adige nel paesino di Canazei, ammirando il paradiso intorno a noi della Marmolada, detta anche la regina delle Dolomiti.

Decidiamo di tornare alla base dopo una bellissima giornata in sella delle nostre amate motociclette e dopo aver percorso ben 392 km ammirando posti e paesaggi tipici del Veneto, consigliati per tutti gli amanti dei viaggi su due ruote e non.“

Leggi l’articolo completo su #trevisotoday : http://www.trevisotoday.it/social/segnalazioni/girando-per-il-veneto-su-due-ruote-6890242.html

Annunci

Autore: Benedetto Tessitore BFPHOTOSTORIE

Sono un sognatore fatalista, un anarchico disciplinato che segue le sue regole di vita nel rispetto più assoluto… amo viaggiare con la mia Harley-Davidson ed immortalare gli attimi fuggenti della mia vita attraverso una fotografia. Vedere il mondo in sella alla propria moto e sentire la libertà superare il nostro destino… Siamo angeli con un'ala sola, solo restando abbracciati possiamo volare. BFPHOTOSTORIE On The Road!!!

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...