Quale miglior investimento sulla propria salute?

Nel solo anno 2016 gli italiani hanno speso più di 37 miliardi per le proprie cure sanitarie (visite specialistiche o prestazioni mediche). Dal 2009 ad oggi, si conta un aumento di spesa superiore, a famiglia, pari a 600 euro. Un evidente innalzamento alla crescita economica dai 31 ai 37 miliardi dell’anno passato. Si tratta di uno scarso sviluppo di polizze sanitarie in Italia, che a differenza degli altri Paesi dell’ Unione Europea, è in minore crescita pur avendo a disposizione prodotti validi e capaci di ridurre la spesa sanitaria di ogni singolo cittadino.

Perché tanti dubbi

Il problema sull’acquisto di una polizza sanitaria, nasce quando ci si interfaccia fra clausole e contratti. Non è facile entrare nell’ottica (fin da subito) che la spesa d’acquisto è la medesima che spende già un italiano medio alle proprie cure sanitarie.

L’Azienda leader per la gestione dei piani sanitari – RBM Assicurazione Salute – ha realizzato, a tal proposito, una simulazione virtuale che confronta varie offerte fra compagnie assicurative: si calcola che un nucleo familiare di 4 persone, spenderebbe in media la stessa cifra per le cure sanitarie pubbliche ma con il vantaggio di avere una copertura maggiore (interventi e ricoveri – diagnostica o esami di laboratorio). Una polizza privata migliorerebbe in primis le spese assicurative dell’assistito e sosterrebbe così tutte le proprie cure, sai dal lato pubblico (rimborso ticket SSN) sia dal lato privato (compresa l’intramoenia).

Sanità Pubblica e Privata

Una polizza privata non abbatte il servizio pubblico ma lo valorizza offrendo una marcia in più al “malato”. Più disponibilità di rivolgersi ad uno specialista di fiducia (in ambito privato), diminuendo i tempi di cure e garantendo una maggiore indennità all’assicurato senza creare disagi alle strutture sanitarie pubbliche, che già in collaborazione con quelle private, si avvalgono degli accordi comunicativi dei nuovi Livelli di Assistenza (LEA).

tabella

Al momento della sottoscrizione di un’eventuale polizza assicurativa, bisognerà comunque fare attenzioni a piccole ma significative clausole. Fra le Compagnie Assicurative analizzate, risulterebbero alcuni lati anomali.Viene spesso chiesto di compilare il Questionario Anamnestico dove si richiedono informazioni di carattere generale sulla salute fisica del futuro assicurato. Questo significherebbe, che un persona affetta da diabete, non potrebbe ricevere tutta l’assistenza necessaria al suo benessere.

Come gestire al meglio la nostra salute?

di Benedetto Tessitore

Annunci

Autore: Benedetto Tessitore BFPHOTOSTORIE

Sono un sognatore fatalista, un anarchico disciplinato che segue le sue regole di vita nel rispetto più assoluto… amo viaggiare con la mia Harley-Davidson ed immortalare gli attimi fuggenti della mia vita attraverso una fotografia. Vedere il mondo in sella alla propria moto e sentire la libertà superare il nostro destino… Siamo angeli con un'ala sola, solo restando abbracciati possiamo volare. BFPHOTOSTORIE On The Road!!!

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...