Torino: la spedizione punitiva contro gli Hells Angels finita in tragedia

Torino: la spedizione punitiva contro gli Hells Angels finita in tragedia

Alessandro, 47 anni, l’Hells Angel colpito da un proiettile vagante, non ce l’ha fatta.

#torino: la spedizione punitiva contro gli Hells Angels della scorsa settimana è finita in tragedia. Alessandro, 47 anni, “Hells Angel” colpito da un proiettile vagante non ce l’ha fatta. Di conseguenza, l’accusa di tentato omicidio per Claudio, suo figlio Eric ed il cugino di quest’ultimo, Manuel, si è trasformata in omicidio.

L’Hells Angel di Villafocchiardo, in Val di Susa, alle porte di Torino, è clinicamente morto. L’uomo è stato ferito alla nuca da un colpo di pistola la sera del 12 gennaio nel piazzale del ristorante “l’Aquila”, presso la frazione di Giaveno -Torino, durante una presunta “spedizione punitiva” organizzata da un imprenditore ed ex assessore di Giaveno, da suo figlio e dal cugino nei confronti del gruppo di motociclisti Hells Angels. Questi, poche ore prima, avevano invitato i due ragazzi ad andar via dal parcheggio – ghiacciato– del “club house”, evitando di continuare a fare sgommate e derapate con la propria auto. I 3 uomini, arrestati nella stessa notte, sono stati accusati di tentato omicidio e lesioni aggravate dopo aver ferito un “harleysta” con un colpo di pistola, ed averne investito un altro durante il loro tentativo di fuga.

Purtroppo, come riferito dai medici del CTO dove era stato ricoverato Alessandro degli Hells Angels, è stato dichiarato il decesso del paziente per morte cerebrale.

Cosa ha scatenato quest’ira punitiva?

Claudio Romano, il figlio Eric e il cugino di quest’ultimo, Manuel Morisciano, sono finiti in carcere per omicidio dopo i tragici eventi verificatisi dinanzi al “club house” degli Hells Angels nella frazione di Giaveno. La sera del 12 gennaio, i tre uomini incriminati sono partiti, armati, per una spedizione punitiva nei confronti dei motociclisti, che poche ore prima avevano rimproverato i due giovani che giocavano pericolosamente, con la propria auto, nel piazzale innevato del club.

Dopo aver subito la semplice ramanzina, i due giovani si sarebbero recati a casa di Eric per prendere le due pistole del padre Claudio, regolarmente denunciate. Ci sono varie testimonianze sull’accaduto che i #Carabinieri della compagnia di Rivoli stanno verificando. Secondo una prima ipotesi, il padre di Eric avrebbe seguito i due ragazzi con la propria auto, per evitare che commettessero una sciocchezza. La seconda versione, invece, riferita da un testimone, è quella secondo cui l’ex assessore di Giaveno avrebbe inveito contro gli harleysti, tenendo una pistola tra le mani.

Al momento, gli unici tristi risvolti concreti sono la morte di Alessandro Gino di soli 47 anni, mentre Pierluigi Ozzello, 51 anni, è rimasto ferito gravemente con fratture multiple alle gambe. I tre responsabili dell’accaduto sono in stato di arresto e in attesa di processo. #hellsangels

di Benedetto Tessitore

Articolo pubblicato su Blasting News

Annunci

Autore: bfphotostorie

Sono un sognatore fatalista, un anarchico disciplinato che segue le sue regole di vita nel rispetto più assoluto… amo viaggiare con la mia Harley-Davidson ed immortalare gli attimi fuggenti della mia vita attraverso una fotografia. Vedere il mondo in sella alla propria moto e sentire la libertà superare il nostro destino… Siamo angeli con un'ala sola, solo restando abbracciati possiamo volare. BFPHOTOSTORIE On The Road!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: