Lo squalo a due teste – mutazione genetica?

Lo squalo a due teste – mutazione genetica?

Trovare un esemplare di squalo a due teste – bicefalo – non è più una clamorosa scoperta. Alcuni studi credono che si tratti di anomalie genetiche dovute ad un aumento di endogamia tra squali dello stesso ceppo, causa principale della pesca intensiva.

Potrebbe trattarsi di uno scenario tipico di un film sulle mutazioni genetiche ma le scoperte fatte sono reali e secondo gli scienziati ce ne saranno altre. Basta pensare al ritrovamento avvenuto al largo della Florida da due pescatori, che dopo la cattura di una femmina di squalo toro, al suo interno fu trovato un feto a due teste oppure, un diverso embrione – sempre a due teste – trovato nel 2008 nell’Oceano Indiano. La scoperta più eclatante è stata fatta nel 2011 dove ci sono state due catture (una nel Golfo della California ed una nel Messico Nord-Occidentale) di gemelli siamesi di verdesca, una specie molto studiata per il maggior numero di embrioni a due teste in quanto, una femmina di squalo, può procreare fino a 50 squaletti in una sola volta come spiega Felipe Galván-Magaña, biologo marino del National Geographic.

squalo-due-teste-squalo-bicefalo-1-1021x580

Il Journal of Fish Biology, riporta un importante articolo dove sono emersi studi specifici sulla specie Galeus Atlanticus (squalo gattuccio) appartenente alla famiglia ovipara, cioè un tipo di squalo che depone le uova. Alcuni scienziati spagnoli hanno avuto la conferma degli embrioni bicefali, attraverso le uova semi trasparenti. La scoperta in questione non è dovuta ad una “normale” creatura a due teste ma per il fatto, che aprendo un uovo per studiarlo, hanno trovato uno squalo siamese.

Non è ancora possibile capire le cause vere della mutazione degli squali bicefali, visti i rari casi di cattura. Spiegarlo attraverso una crescita programmata in laboratori, secondo il Dottor Valentín Sans-Coma capo della ricerca, non potrebbe essere corretto. Al momento le uniche spiegazioni potrebbero essere di un disordine genetico provocato, per l’appunto, da studi fatti in cattività e dove le uova non hanno potuto avere nessun tipo di contatto con infezioni o radiazioni. La differenza delle nascite non in cattività, dovute a questo tipo di malformazioni, potrebbero essere invece causate da infezioni virali – causa inquinamento – o, addirittura, dall’eccessiva pesca intensiva che porta all’endogamia ed alle sue metamorfosi genetiche causando così una variazione del pool genetico.

Lo squalo a due teste non è un unico caso di squali deformi ma nel 2011, al largo del Messico, fu catturato uno squalo bruno con un feto dalla condizione genetica nota come ciclopia, cioè dotato, al centro della testa, di un unico occhio funzionante al 100%, un vero ciclope. Purtroppo casi come questi vengono riscontrati anche in altre specie di animali, compresa anche la razza umana, ma studiare a fondo gli squali non è facile vista la rarità nel catturarne uno.

di Benedetto Tessitore

Annunci

Autore: Benedetto Tessitore BFPHOTOSTORIE

Sono un sognatore fatalista, un anarchico disciplinato che segue le sue regole di vita nel rispetto più assoluto… amo viaggiare con la mia Harley-Davidson ed immortalare gli attimi fuggenti della mia vita attraverso una fotografia. Vedere il mondo in sella alla propria moto e sentire la libertà superare il nostro destino… Siamo angeli con un'ala sola, solo restando abbracciati possiamo volare. BFPHOTOSTORIE On The Road!!!

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...