L’Innovazione Assicurativa Sanitaria

L’Innovazione Assicurativa Sanitaria

Negli ultimi tempi il nostro Paese ha attraversando varie metamorfosi in ambito Sanitario.

Dalle evoluzioni LEA (Livelli essenziali di assistenza) dove si garantisce gratuitamente o dietro pagamento di una quota di partecipazione (ticket),  le prestazioni e i servizi sanitari a tutti cittadini, alle campagne assicurative private.

In questo campo nasce la convinzione di RBM Assicurazioni Salute dove bisogna dare una maggiore tutela ai cittadini informandoli sul tema dell’ Innovazione Assicurativa Sanitaria, presente già in altri Paesi e che darà un maggiore supporto ad un Secondo Pilastro Sanitario. L’occasione ha richiesto l’intervento dell’Osservatorio Consumi Privati in Sanità (OCPS) di SDA Bocconi in modo da creare una basa solida, sufficiente nel creare una maggiore stabilità alle Compagnie Assicurative.

RBM vuole offrire e garantire una risposta certa ai bisogni richiesti comparandosi in questo modo alla linea degli altri Paesi Europei seguendo il sistema Beveridge: un “Welfare State”, (letteralmente tradotto dall’inglesestato del benessere) che fornisce e garantisce i diritti ed i servizi sociali ai cittadini, come in questo caso l’Assistenza Sanitaria;

Marco Vecchietti, Consigliere Delegato di RBM Assicurazione Salute, sostiene che “curarsi ormai è diventato un lusso per pochi, la soluzione non può essere rappresentata dai nuovi LEA (Livelli essenziali di assistenza), caratterizzati da mille paradossi” – Vecchietti continua dicendo che “la soluzione è l’istituzione di un Secondo Pilastro Sanitario aperto a tutti i cittadini”.

La dimostrazione di questa ricerca non è un passaggio finalizzato nel promuovere le cure private, bensì un’aggiunta “intermediaria” alla spesa sanitaria (ticket del SSN, incluso) a carico del cittadino. Si creerà quindi un’alleanza fra Pubblico e Privato in modo da garantire equità e fiducia alla protezione delle famiglie.

Molti dei cittadini posseggono già un fondo sanitario privato, personale o per clausola contrattuale, ma non tutti comprendono ancora – causa scarsa informazione – il vero risparmio sulle spese mediche.

Esempio richiesta prestazione con pagamento/rimborso:

  1. ticket € 30,30
  2. ticket € 46,15

Il servizio pubblico offre, avvolte, una spesa minima sulle prestazioni – dovendo però attendere lunghe liste d’attesa – e poi richiedere, una volta all’anno, un rimborso tramite 730. Rimborso pubblico (annuale tramite 730): € 30,30*19/100(%) + € 46,15*19/100 (%) = 5,76 + 8,77 = € 14,53.

Il servizio privato offre una spesa irrisoria (spesso molto meno costosa di un servizio pubblico), con la possibilità di una lista d’attesa minore e offrendo una rimborso garantito – tramite pagina personale web o app del proprio Fondo – subito dopo aver effettuato la prestazione. Rimborso privato (NO annuale): € 30,30 + € 46,15 – € 20,00 (-20 euro corrispondono a 10 euro per ticket (se richiesta la franchigia pari a 10 euro a ticket) = € 56,45.

di Benedetto Tessitore

Annunci

Autore: bfphotostorie

Sono un sognatore fatalista, un anarchico disciplinato che segue le sue regole di vita nel rispetto più assoluto… amo viaggiare con la mia Harley-Davidson ed immortalare gli attimi fuggenti della mia vita attraverso una fotografia. Vedere il mondo in sella alla propria moto e sentire la libertà superare il nostro destino… Siamo angeli con un'ala sola, solo restando abbracciati possiamo volare. BFPHOTOSTORIE On The Road!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...