BFPHOTOSTORIE – Il fotografo di Auschwitz

Dopo aver letto il libro “Il fotografo di Auschwitz” di Luca Crippa E Maurizio Onnis, ho voluto personalizzare il racconto cercando di renderne “vivi” i personaggi. Ho scoperto che leggere una storia, se pur reale, lascia sempre spazio all’ immaginazione, ma quando poi inizi una ricerca personale ed entri nella vera storia, cominci a collegare tutte le storie che hai sentito e/o ti hanno raccontato. Spero di non disturbare nessuno con questa mia piccola raccolta fotografica.
——-
Le fonti dirette sono state prese dal libro “Il Fotografo di Auschwitz” di Luca Crippa e Maurizio Onnis – Pickwick -.
Le fonti generali sulla Shoa ebraica durante la Seconda Guerra Mondiale e sul campo di concentramento di Auschwitz sono innumerevoli e prese da internet attraverso i svariati siti-documentari. Google.
Le foto che lui scattava ogni giorno da anni contenevano la memoria delle persone: prigionieri, carcerieri, medici corrotti e impazziti.

Guarda la mia raccolta fotografia su BFPHOTOSTORIE FACEBOOK 

Guarda il video su BFPHOTOSTORIE YOUTUBE

Nel 1939, dopo l’invasione tedesca della Polonia, le SS propongono al giovane austro-polacco Wilhelm Brasse di giurare fedeltà a Hitler e di arruolarsi nella Wehrmacht. Il giovane rifiuta: si sente polacco e non vuole tradire la sua patria. Un anno dopo Wilhelm viene internato ad Auschwitz, con il numero di matricola 3444. I suoi compagni vengono inviati molto presto alla morte; lui invece si salva perché è un abile fotografo. Nei cinque anni successivi vive nel campo e documenta, suo malgrado, l’orrore. Fotografa migliaia di prigionieri, di esecuzioni, e i terrificanti esperimenti su cavie umane del dottor Josef Mengele. Oltre cinquantamila scatti, che rappresentano una imprescindibile documentazione di quell’abominio. A poco a poco, Brasse decide che lo scopo della sua vita non può essere solo quello di sopravvivere. Agirà. Farà di tutto perché attraverso di lui si conservi la memoria di Auschwitz. Nei mesi successivi, a rischio della vita e con molto ingegno, riesce a far pervenire alla resistenza una parte delle sue fotografie. Infine, al principio del 1945, quando il campo deve essere abbandonato, finge di obbedire all’ordine di distruggere stampe e negativi, riuscendo invece a trarli in salvo. Perché il mondo deve sapere. Sono le immagini di Auschwitz che noi tutti conosciamo. Ricostruita sulla base di resoconti e documenti, una eccezionale testimonianza per non dimenticare…

Il fotografo di Auschwitz – di Luca Crippa (Autore), Maurizio Onnis (Autore)

Annunci

Autore: Benedetto Tessitore BFPHOTOSTORIE

Sono un sognatore fatalista, un anarchico disciplinato che segue le sue regole di vita nel rispetto più assoluto… amo viaggiare con la mia Harley-Davidson ed immortalare gli attimi fuggenti della mia vita attraverso una fotografia. Vedere il mondo in sella alla propria moto e sentire la libertà superare il nostro destino… Siamo angeli con un'ala sola, solo restando abbracciati possiamo volare. BFPHOTOSTORIE On The Road!!!

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...